Loading...

Vendere arte su Instagram: il mercato del futuro?

Instagram, come i più comuni social network, permette ai suoi utenti di entrare in contatto e interagire attraverso like e commenti alle foto postate dalla community.
Grazie ai più recenti aggiornamenti dell’app, è possibile anche vendere arte su Instagram, generando un mercato interno e facendo assumere al social network le sembianze di una vera e propria piattaforma di e-commerce.

L’arte ai tempi dei social

Da qualche anno, un numero ormai sostanzioso di artisti che pubblicano su Instagram le foto delle proprie opere d’arte ha iniziato a intrattenere rapporti di compravendita con i propri follower, generando un vero e proprio art market, le cui funzioni possono essere paragonate a quelle delle gallerie d’arte.
Questo è il caso di artisti come Julia Powell e Dan Lam, i cui profili contano rispettivamente 75.700 e 199.000 follower, che hanno fatto del vendere arte su Instagram il loro lavoro.
Julia Powell dedica quotidianamente a Instagram 15 minuti della sua giornata, pubblicando da uno a tre post in cui mostra i suoi quadri alla community. L’artista gestisce il 90% delle richieste di acquisto dei suoi follower attraverso i DM (messaggi privati) dell’applicazione, mentre le restanti richieste derivano dalle tre gallerie d’arte alle quali l’artista vende settimanalmente alcuni dei suoi quadri.

Instagram al servizio della diffusione del gusto artistico

Questo nuovo metodo di compravendita delle opere d’arte bypassa l’intermediazione delle gallerie d’arte, le quali, esponendo i lavori degli artisti nell’ambiente artistico tradizionale, sono solite ricavare un guadagno pari al 50% del costo totale dell’opera. Nel vendere su Instagram, questo passaggio viene eliminato o tradotto nell’acquisto online di opere d’arte da parte delle gallerie o dei collezionisti, come Anita Zabludowicz, famosa instagrammer che ha dichiarato di aver acquistato alcune opere della sua collezione dopo averle viste sul social network.
Grazie a questo nuovo tipo di art market, gli appassionati possono acquistare opere di tutti i tipi, a partire dai quadri, tipicamente pop art, di Ashley Longshore, per finire con le sculture profondamente contemporanee e creative di Dan Lam.

Beyoncé and Miley Cyrus: pioniere del mercato di Instagram

La vendita di arte su Instagram è ampiamente facilitata dalle celebrity, che di certo non tengono segrete le loro opere preferite. I lavori dell’artista Ashley Longshore, per esempio, hanno conosciuto una grande diffusione anche grazie alla collaborazione con l’attrice Blake Lively per la creazione di una collezione di cuscini a tema naturalistico, decorati con farfalle e fiori. Il carattere modernista e creativo delle opere di Dan Lam ha invece appassionato la cantante Miley Cyrus, la quale, dopo aver visto i lavori dell’artista sul suo profilo Instagram, le ha commissionato la creazione di sculture per la sua collezione privata.
Anche una delle coppie più famose del mondo della musica, Beyoncé e Jay-Z, contribuiscono alla diffusione di questo nuovo tipo di art market online, postando sui propri profili Instagram le opere d’arte che intendono comprare.

 

View this post on Instagram

 

A post shared by Beyoncé (@beyonce) on

Vendere arte su Instagram: i social come gallerie del futuro?

È ormai indubbio che Instagram abbia facilitato la diffusione di opere d’arte di artisti indipendenti che intendevano trasmettere la loro visione artistica e condividerla direttamente con gli appassionati d’arte di tutto il mondo. Vendere arte su Instagram, però, comporta anche lo sviluppo di abilità manageriali personali, senza le quali sarebbe difficile farsi notare nell’universo artistico che si propaga nel web. A questo punto sembrerebbe lecito chiederci se fosse possibile che questo nuovo modo di produrre arte si imponga sostituendo quello tradizionale, andando a creare nuove figure di artisti-imprenditori che, attraverso la vendita dei loro lavori, intrattengono una stretta relazione con altri appassionati di arte, senza i filtri e le barriere delle gallerie.

 

View this post on Instagram

 

Does she love it or hate it? Painting for sale, dog not. #artcritic #art #goldenretriever #painting

A post shared by Julia S. Powell Art (@juliaspowellart) on

Ma potrà un social network, in cui le opere vengono ridotte nello spazio di pochi centimetri, sostituire il centenario mercato tradizionale dell’arte, o i fedelissimi dell’acquisto ponderato resteranno tali? Staremo a vedere.

Comments(0)

Leave a Comment