Loading...

Torna la grande arte al cinema: i prossimi 4 film evento da non perdere!

Insieme alle prime piogge autunnali e alle cioccolate calde torna la grande arte al cinema! Anche quest’anno il calendario dei film dedicati all’arte e ai suoi protagonisti è straordinario e tutto da godere. Ecco la prima parte degli appuntamenti proposti per l’anno 2018/2019.

  1. Salvador Dalì. La ricerca dell’immortalità

Per celebrare l’anniversario dei 30 anni dalla sua morte, ad aprire questa magica stagione di film dedicati all’arte ci sarà uno degli artisti più fantasiosi, irruenti ed imprevedibili del ‘900: Salvador Dalí. Il 24, 25 e 26 settembre migliaia di appassionati potranno godersi il docu-film per conoscere più da vicino l’anima del pittore spagnolo e addentrarsi negli spazi da lui ideati, che hanno contribuito a plasmare la sua immortalità. Il viaggio seguirà la vita e l’opera di un uomo che ha saputo segnare l’arte del novecento come pochi, accendendo un riflettore anche su Gala, sua musa e collaboratrice.

Salvador Dalí, La ricerca dell’immortalità.

  1. Klimt & Schiele. Eros e psiche

Il 22, 23 e 24 ottobre sarà invece la volta dell’epoca dorata di Klimt e Schiele. In occasione del centenario dalla morte di quest’ultimo, il film guiderà gli spettatori dentro le sale dell’Albertina, del Belvedere, del Kunsthistorisches, del Leopold, del Freud e del Wien Museum, per riscoprire la fiorente stagione Mitteleuropea: un periodo magico per l’arte, la letteratura e la musica, che ha dato voce alle inquietudini e i desideri dell’uomo, temi perfettamente interpretati da due tra i più straordinari artisti austriaci di tutti i tempi.

Gustav Klimt, Il bacio, 1907 – 1908, Galleria austriaca del Belvedere, Vienna, Austria.

  1. Le ninfee di Monet. Un incantesimo di acqua e luce

Gli amanti di Monet e dell’impressionismo non potranno di certo mancare all’appuntamento del 26, 27 e 28 novembre dedicato al maestro indiscusso di questa corrente artistica. Il film evento si concentra sulla nascita di una delle più grandi opere d’arte del ‘900 e racconta l’amore e l’ossessione di Monet per le sue ninfee attraverso il giardino e la casa dell’artista a Giverny, ma anche il Musée D’Orsay, l’Orangerie e il Marmottan di Parigi, e, infine, la grande mostra del Vittoriano di Roma

Claude Monet, Ninfee, 1915 circa, Neue Pinakothek, Monaco di Baviera, Germania.

  1. L’uomo che rubò Banksy

L’11 e il 12 dicembre, dopo il successo riscosso al Tribeca Film Festival, arriva al cinema il film dedicato a Banksy: il controverso artista e writer inglese considerato uno dei maggiori esponenti della street art. Il film, narrato da Iggy Pop, non mostrerà agli spettatori solo l’opera dell’artista, ma affronterà anche temi come le culture in conflitto, l’identità e il mercato nero dell’arte, puntando i riflettori anche sul dibattito riguardante la commercializzazione o conservazione della street art.

Banksy, Il lanciatore di fiori, Betlemme, Palestina.

Comments(0)

Leave a Comment